Anche Prendiamoci Cura sostiene la candidatura di Riace al Nobel per la Pace

Riace candidata al Nobel per la Pace 2019. L’idea è di un gruppo di organizzazioni della società civile, Ong e Comuni ed è stata lanciata dalla rivista “Left”.

Riace è il piccolo Comune calabrese che, sotto la guida del sindaco Mimmo Lucano, è diventato un modello di accoglienza e integrazione dei migranti, che tra l’altro, si legge nelle motivazioni della proposta, «ha ridato vita ad un territorio quasi spopolato a causa dell’emigrazione e della endemica mancanza di lavoro. Le case abbandonate sono state restaurate utilizzando fondi regionali, sono stati aperti numerosi laboratori artigianali e sono state avviate molte altre attività che hanno creato lavoro sia per i rifugiati che per i residenti». Un modello innovativo che ha saputo rispondere ad esigenze diverse e per questo è conosciuto in tutta Europa.

Riace candidata al Nobel per la paceVi avevamo poi già raccontato dell’episodio riguardante l’arresto del Sindaco Mimmo Lucano, con l’accusa di “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e di fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti”.

La campagna per Riace candidata al Nobel per la pace nasce anche da altre considerazioni. L’arresto di Mimmo Lucano era stato preceduto, nel 2016  dal blocco dei fondi destinati al programma di accoglienza e inserimento degli immigrati, che aveva lasciato Riace in condizioni precarie. Per questo, scrivono su “Left”, i promotori della campagna «gli atti giudiziari intrapresi nei confronti del Sindaco Lucano appaiono essere un chiaro tentativo di porre fine ad una esperienza che contrasta chiaramente con le attività dei Governi che si oppongono all’accoglienza e all’inclusione dei rifugiati e mostrano tolleranza in casi di attività fraudolente messe in atto nei centri di accoglienza di tutta Italia e in una Regione dove il crimine organizzato – non di rado – opera impunemente».

Per sostenere la pace occorre rispettare i diritti di tutti, non solo dei più forti.

Per chi volesse sostenere l’iniziativa:

Link al Modulo online per le aderire come organizzazione

Link al Modulo online per aderire come privato cittadino

Seguici su

Newsletter

Post correlati

Prendiamoci Cura sostiene l’iniziativa pubblica “Prima le persone”

Anche la nostra associazione, attraverso il Comitato "Insieme senza...

Greta Thunberg e il coraggio di essere giovani

Lei si chiama Greta Thunberg, è svedese, ha quindici...

Monsanto e la finta rete di agricoltori

Un’ indagine di Greenpeace ha rivelato che nel 2017 la Monsanto...

Monsanto finalmente condannata a risarcire

E' notizia di questa estate che l’azienda di biotecnologia...

Glifosato, 48 eurodeputati si sottopongono a test: tutti positivi

"Tutti coloro che dovranno decidere sul futuro del Glifosato...

Sponsor

spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_imgspot_img

Nella stessa categoria

“Dal carrello al piatto”, consigli per una sana alimentazione

#Oltreiperimetri è un progetto di Welfare di Comunità del territorio del Rhodense.Nasce per individuare e mettere in atto nuove modalità d’intervento e di azione...

“…con le mani nella terra!”

5 incontri gratuiti per imparare a "mettere le mani nella terra"! Coltivare Comunità è un progetto finanziato da Regione Lombardia grazie al bando Terzo Settore...

Il ginepraio delle proteste degli agricoltori

In queste settimane si è data ampia notizia su tutti i canali di informazione della protesta da parte degli agricoltori, il cosiddetto "popolo dei...