Non solo parmigiano…

16 settembre 2012

Il terremoto del 20 aprile in Emilia ha causato forti danni a molte aziende locali, in particolar modo ai caseifici di Grana Padano e Parmagiano Reggiano e nelle settimane seguenti abbiamo assistito ad una catena di solidarietà senza precedenti nei confronti dei produttori colpiti dal sisma.

Nell’ottica di solidarietà, che è principio fondante dei Gas, anche i Gruppi di Rho si sono mossi, chiedendosi cosa si potesse fare in concreto per aiutare le aziende colpite. Ma è pratica consolidata nei Gas anche quella di andare a fondo delle questioni e non lasciarsi coinvolgere dall’onda emotiva che ha spinto gli italiani a sostenere i terremotati, a volte senza chiedersi l’autenticità delle richieste di aiuto.

Si sa, il parmigiano è un’eccellenza nazionale e le immagini di centinaia di forme cadute a terra, frantumate in mille pezzi hanno fatto il giro della rete, ma l’Emilia è fatta anche di tanti altri produttori di beni comuni come pane, pasta, verdure, ugualmente danneggiati, che senza il potere mediatico di immagini d’effetto stanno ancora facendo fatica a far arrivare le proprie richieste di aiuto

IrisPer questo i Gas di Rho hanno deciso di accogliere l’appello di Iris, Cooperativa Agricola di Calvatone, in provincia di Cremona, da anni fornitore di pasta per Gruppi di Acquisto Solidali, che a causa del terremoto ha subito danni alla macchina che produce la pasta lunga, spaghetti, ecc. e oltre al calo della produzione, Iris ha dovuto far fronte anche a spese importanti per la riparazione.

Così durante Prendiamoci Cura verrà allestito un banco per la raccolta di fondi a favore di Iris, dove si potrà acquistare pasta bio come penne, maccheroni, fusilli e spaghetti di semola e integrali. Insomma un’ottima occasione per provare prodotti di ottima qualità e dare un contributo importante.

Tag:

Nessun commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento