Il guaranà bevanda energetica, ma cosa c’è dietro?

Il Guarana o Warana come lo chiamano gli indios è una pianta coltivata esclusivamente in Amazzonia, dalle molteplici proprietà terapeutiche come migliorare la memoria, contrastare l’invecchiamento, favorire la circolazione sanguigna, combattere i reumatismi, oltre ad essere un energetico naturale.

Lo sanno bene gli indios che da 200 anni lo coltivano e lo consumano, ma lo sanno altrettanto bene le multinazionali che scoperte le proprietà di questa pianta hanno assunto di fatto il monopolio della produzione del Guaranà sfruttando le popolazioni locali e decidendo il prezzo di mercato.

Abbiamo incontrato Obadias Batista Garcia, rappresentante del Consorcio dei Productores Saterè Mawè e coordinatore generale del commercio internazionale equo-solidale della nazione Saterè Mawè, che ci racconta come sia riuscito a sottrarre il suo popolo dal monopolio e dallo sfruttamento delle multinazionali, grazie alla collaborazione con il circuito del Commerco Equo e Solidale in Italia e in Francia, che ha potuto garantire ai produttori non solo un giusto prezzo, ma anche progetti di promozione sociale.

Il progetto nasce nel 1995, prima come cooperativa locale di produttori per rivendicare i propri diritti, ampliandosi poi grazie alla collaborazione con CTM. Ora i produttori sono in grado di garantirsi il proprio autostentamento e grazie al maggior prezzo ricavato dalla vendita del Guaranà nel circuito del CTM, il denaro viene reinvestito anche in progetti sociali e a tutela dell’ambiente, come la riforestazione, la ripopolazione delle tartarughe, ma anche progetti educativi e sovvenzioni alle donne che producono artigianato locale.

La priorità del Consorcio dei Productores Saterè Mawè è la difesa dell’ecosistema che da sempre ospita la tribù dalle minacce delle multinazionali delle bibite. La risposta è una proposta di sostenibilità e valorizzazione fondata sulla tradizione e sul rispetto dei clcli naturali. Il Consorcio gestisce progetti a beneficio della tribù come ad esempio il trattamento dei rifiuti, la coltivazione eco-sostenibili per l’autoconsumo  e l’allevamento delle api native, essenziali per l’impollinazione della maggior parte delle specie vegetali amazzoniche.

Dalla pianta del guaranà si estraggono diversi prodotti come bevande energetiche, sciroppi da diluire in acqua o polveri. Da ulteriori lavorazioni vengono prodotti anche cioccolati e caramelle, tutti contenenti le innumerevoli proprietà del guaranà e acquistabili in tutte le botteghe di AltroMercato.

Obadias Batista Garcia

Obadias Batista Garcia

Obadias Batista Garcia

Foto di Luca Toffolon

Seguici su

Newsletter

Post correlati

“Dal carrello al piatto”, consigli per una sana alimentazione

#Oltreiperimetri è un progetto di Welfare di Comunità del...

“…con le mani nella terra!”

5 incontri gratuiti per imparare a "mettere le mani...

Il ginepraio delle proteste degli agricoltori

In queste settimane si è data ampia notizia su...

Agrumi siciliani e il progetto “SOS Rosarno”

Presso i Mercati Contadini di Prendiamoci Cura molti avranno...

Il rinnovo del glifosato: un rischio per la nostra salute e per l’ambiente

Nonostante ricerche che ne evidenziano la pericolosità per la...

Sponsor

spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_imgspot_img

Nella stessa categoria

“Dal carrello al piatto”, consigli per una sana alimentazione

#Oltreiperimetri è un progetto di Welfare di Comunità del territorio del Rhodense.Nasce per individuare e mettere in atto nuove modalità d’intervento e di azione...

“…con le mani nella terra!”

5 incontri gratuiti per imparare a "mettere le mani nella terra"! Coltivare Comunità è un progetto finanziato da Regione Lombardia grazie al bando Terzo Settore...

Il ginepraio delle proteste degli agricoltori

In queste settimane si è data ampia notizia su tutti i canali di informazione della protesta da parte degli agricoltori, il cosiddetto "popolo dei...